Birmania – Programma di controllo della malaria



Medici per la Pace, in collaborazione con CESVI e A.C. Chievo, si è occupata di profilassi, diagnosi e terapia della malaria, nei villaggi rurali dell'altopiano Shan.

In queste aree la malaria rappresenta una delle principali cause di morbilità e mortalità: si osservano 3.000 casi l’anno, di cui 50-100 mortali. I servizi sanitari esistenti sono inadeguati e spesso irraggiungibili da parte della maggior parte della popolazione rurale, che risiede in villaggi isolati e privi di collegamenti.

Il controllo della malaria si fonda su un programma di educazione sanitaria rivolto alla comunità. Prevede la diagnosi microscopica di malaria (WHO Guidelines for the treatment of malaria), la formazione di personale volontario e la distribuzione di zanzariere pretrattate con insetticidi (ITNs Insecticide Treated Nets).

Per l’implementazione delle attività, sono stati utilizzati 383 Agenti Sanitari di Villaggio e 10 Microscopisti appositamente formati, 15 ambulatori fissi e 6 ambulatori mobili, che hanno raggiunto 383 villaggi prioritari per un totale di 40.140 famiglie e 200.608 persone beneficiarie.

Sono state impregnate 43.815 zanzariere e distribuite 33.619 LLIN (Long Lasting Incecticidal Nets). Sono stati inoltre offerti servizi per la prevenzione della malnutrizione alla parte di popolazione più vulnerabile e debole presente nei Rural Centre destinatari dell’intervento.

Infine, 33 Assistenti Sanitari di Villaggio hanno ricevuto una formazione specifica nella diagnosi con test rapidi (RDTS) e nel trattamento dei casi di malaria.



<< Progetti nel mondo

  • I dati del progetto

  • Ambito: Profilassi e cura della malaria
  • Paese: Myanmar (Birmania)
  • Città: Distretto di Nawnghkio, Shan State
  • Periodo: gennaio 2008-dicembre 2010
  • Beneficiari: 200.000
  • Donatori:

    Cariverona logo

  • Partner:

    logo-cesvi

  • Attività:

    – Set up di cliniche fisse e di cliniche mobili in visita ai villaggi più remoti

    – Diagnosi di laboratorio, trattamento dei casi di malaria e di eventuali altre patologie

    – Distribuzione di zanzariere impregnate di insetticida

    – Campagne di educazione sanitaria

    – Indagini malatiometriche nelle scuole

    – Formazione di 100 Agenti Sanitari di Villaggio (ASV) in grado di effettuare diagnosi di malaria